L'anime privo di dialoghi che parla con le immagini del mare, la natura e la famiglia

Si tratta di un film di animazione prodotto nel 2016 concepito dallo Studio Ghibli dietro la regia dell'olandese Michaël Dudok de Wit.
Anche questa volta i presupposti del capolavoro sembrano esserci tutti, la trama narra, anzi fa vedere - visto che il lungometraggio è privo di dialoghi - di un naufrago che approda presso una sconosciuta isola tropicale ricca di uccelli, e tartarughe marine.
La Tartaruga Rossa film
Al posto dei dialoghi, troviamo le musiche di sottofondo accompagnate dai suoni della natura, l'acqua, il vento, gli animali.
L'isola deserta, seppur bella, non convince l'uomo a rimanere e tenta di andare via varie volte senza riuscire nel suo intento. La causa è da attribuire ad una gigantesca ed affascinante tartaruga rossa.
Sulle prima l'uomo non comprende l'inspiegabile comportamento dell'animale, poi piano piano inizia a perdere consapevolezza che la tartaruga vuole trattenerlo sull'isola deserta per compiere il suo destino.
La tecnica usata capovolge l'attuale trend del tridimensionale, infatti il movie è un 2D con i background disegnati a mano con le penne ottiche. Solo le tartarughe hanno avuto un trattamento di riguardo, esse sono state concepite con la tecnica CGI.


RECENSIONE

Il film ha attratto la mia attenzione sin dalla prime news sulla TV ed in internet, in primis perché sono un affezionato degli anime di marca Ghibli, in secondo luogo, l'ambientazione ripercorre esattamente la mia profonda passione per il mare, le isole tropicali, la natura, gli uccelli, i pesci, i granchi, e le tartarughe marine. Memore del recente viaggio naturalistico presso le isole Seychelles, il trailer e le prime immagini trapelate, hanno rianimato il mio amore per la libertà.


TRAILER LA TARTARUGA ROSSA

Richiedi Informazioni

Email: info@gatstudio.it - Tel./Whatsapp : +39 380 7059176